Mi chiamo Helmuth e abito nell’ Italia settentrionale. Nel 1991 sono diventato cristiano e ringrazio Dio per la Sua grazia tramite Gesù Cristo. In Italia prevale la fede cattolica ed anche io sono cresciuto in una famiglia cattolica. Da ragazzo ero chiricchetto e pensavo di diventare sacerdote. In quei tempi dopo la seconda guerra mondiale, non era facile per i miei genitori crescere cinque ragazzi. Poi ho cominciato a riflettere sui dogmi della fede, sull’ ingiustizia che regnava nel mondo, sulle liti in famiglia e il fatto che i miei genitori stavano diventando alcolizzati. Da adolescente ho abbandonato la chiesa cattolica, ho imparato una professione e mi sono avvicinato allo sport, finché pure io stesso ho cominciato ad abusare del alcool. Ogni mattina dovevo bere per sentirmi tranquillo e a causa del bere in eccesso ho provocato molti incidenti stradali. Stavo perdendo il lavoro quando uno dei miei fratelli è morto a causa di cirrosi epatica causata dall’alcoolismo. Mi sono reso conto di non trovarmi lontano dalla stessa fine, per cui mi sono spaventato e da quel giorno ho tentato a liberarmi da quel vizio distruggente. Purtroppo i vari tentativi di uscirne fallirono. Ma sapevo che se Dio esisteva, ormai solo Lui poteva aiutarmi. Una sera, dopo essermi ubriacato di nuovo mi sono inginocchiato e ho supplicato Dio di aiutarmi. La mattina seguente mi sono svegliato senza voglia di bere alcool, inoltre mi sentivo tranquillo come mai prima. Da quel giorno la mia vita è cambiata, perché ho cominciato a pensare in modo lucido e di cercare Dio e la Sua via. Progettavo di lascare l’Italia e di andare in Tibet, perché mi piaceva la semplicità di vita della gente di lì. Sabine, una giovane ragazza che viveva vicino a me, mi ha incoraggiato a venire con lei a incontrare una famiglia che veniva apposto a trovarla da Firenze, per parlare della Parola di Dio e la Bibbia. E così feci, dopo una lunga conversazione con loro ero rimasto a riflettere moltissimo, anche perchè mi avevano parlato della prova biblica di ricevere lo Spirito Santo e di parlare in altre lingue. Avevo passato un anno e mezzo riflettendo, finchè Sabine felicissima non mi comunicò per telefono, che lei era andata a Firenze e che aveva appena ricevuto lo Spirito Santo. Ero invidioso! Il più presto possibile sono andato a Firenze per incontrarmi con quella gente e con Sabine, per parlare di Dio. Dopo una lunga notte di incertezza avevo finalmente deciso di compiere la volontà di Dio e mi sono fatto battezzare con piena immersione in acqua, proprio come sta scritto nella Bibbia. Ritornato a casa da solo, una settimana dopo ho ricevuto lo Spirito Santo parlando in questa nuova lingua e ho sentito come se la mano del Signore fosse entrato nella mia testa e avesso tolto tutti i problemi e le preoccupazioni .. un vuoto e una pace incredibile. La stessa settimana i medici avevano diagnosticato a mia madre la cirrosi epatica all’ultimo stadio . Le ho parlato di Dio, perciò mi ha chiesto di pregare per lei. Il nostro Signore Gesù Cristo l’ha guarita miracolosamente. Un anno dopo Sabine ed io ci siamo sposati ed abbiamo tre figli che ormai sono adulti ed anche loro camminano nel Signore. Mai prima avrei pensato di poter chiamare Dio ”mio Padre” e Gesù Cristo ”mio Signore” e di creare una famiglia. Oggi sono pastore in una Chiesa nel Nord dell’ Italia e ringrazio il nostro Signore Gesù Cristo che mi ha chiamato e per tutto. Amen.